Chiudi

Screening del tumore della mammella

 

1. Perché si fa lo screening mammografico?
Studi scientifici (Approfondimento QUI) hanno dimostrato che il programma di screening mammografico ha diminuito il rischio di morte per tumore al seno. Infatti lo screening permette di scoprire un tumore al seno anche quando è troppo piccolo per poterlo sentire. In questo modo si possono usare cure meno invasive con maggiori probabilità di guarigione.

2. A chi è offerto lo screening mammografico?
Lo screening è rivolto a tutte le donne tra 50 e 74 anni. Sono escluse temporaneamente dallo screening le donne che hanno già eseguito una mammografia nei 18 mesi precedenti. Inoltre lo screening non viene proposto alle donne che sono già state malate di tumore al seno. Per avere maggiori informazioni si consiglia di contattare il Numero Verde.

3. Ho ricevuto la lettera di invito, ma la data e/o l’orario dell’appuntamento non vanno bene. Posso cambiarli? 
Sì. Telefoni al Numero Verde del suo centro screening. Con l’operatore potrà decidere un nuovo appuntamento a lei più comodo.

4. Sono inserita nel programma di screening e ho un disturbo al seno, cosa faccio? 
Se nota la comparsa di disturbi al seno (ad esempio secrezioni dal capezzolo, noduli di nuova comparsa, alterazioni del capezzolo) telefoni subito al Numero Verde del suo centro screening per fissare un controllo.

5. Quanto costa fare lo screening?
La mammografia e gli eventuali approfondimenti sono gratuiti.

6. Serve la richiesta del medico curante?
No. Non è necessaria.

7. Quanto tempo occorre per eseguire l’esame?
Da quando si entra nell’ambulatorio circa 10 minuti.

8. Come si esegue l’esame?
Il tecnico di radiologia raccoglierà alcune informazioni sulla sua storia e le spiegherà l’esame. Posizionerà una mammella per volta sul mammografo e la comprimerà contro una superficie piatta. Questo consente di tenerla ferma. La compressione può essere fastidiosa e alcune volte dolorosa, ma è necessaria per ottenere un’immagine chiara. Il fastidio comunque scompare rapidamente.

9. Quali sono i tempi previsti per avere la risposta dell’esame?
L’esito della mammografia è in genere disponibile entro 4 settimane dal giorno dell’esame. Tutte le immagini sono valutate separatamente da due radiologi per consentire elevati livelli di qualità: questo processo può richiedere del tempo. 

10. Quali sono gli esami da fare se i radiologi richiedono un approfondimento?
I radiologi, in base alla lettura della mammografia, decidono il tipo di approfondimento più appropriato. L’approfondimento viene fissato in tempi brevi. Sono possibili la ripetizione della mammografia, l’ecografia, la visita senologica e tutti gli accertamenti necessari per arrivare ad una diagnosi.

Fonte delle informazioni riportate alla domanda 1
http://www.epicentro.iss.it/problemi/screening/mammografiaArt2015.asp 
http://www.epicentro.iss.it/problemi/screening/pdf/comunicato_Ispo.pdf 


Puoi trovare questi e ulteriori approfondimenti nelle seguenti sezioni

 

TitoloData Inizio ValiditaFile
Opuscolo Screening Colon Retto Distretti Rhodense e Ovest Milanese 04/03/2019
Opuscolo Screening Colon Retto Distretto di Lodi 04/03/2019
Opuscolo Screening Mammografico Distretti Rhodense e Ovest Milanese 04/03/2019
Opuscolo Screening Mammografico Distretto di Melegnano e della Martesana 04/03/2019
Opuscolo Screening Mammografico Lodi 04/03/2019
Opuscolo Screening Mammografico Milano 04/03/2019


Torna su