Chiudi

Promozione dell’attività motoria nella comunità

 

Rivolto a: Comunità, Centri Diurni Disabili, Centri Socio Educativi, Aziende Ospedaliere

Il progetto ha come obiettivo la prevenzione delle malattie croniche mediante la promozione dell’attività motoria nella comunità. L’esperienza del cammino di gruppo viene rivolta agli adulti per svolgere con continuità e sul territorio un'attività ludico motoria organizzata in modo collettivo. Rappresenta una forma di esercizio fisico semplice e vantaggioso per tutte le età, in grado di migliorare la qualità di vita dal punto di vista della salute e della socialità, aspetti di particolare importanza per favorire autonomia e inclusione per gli anziani. 

La strategia utilizzata per il raggiungimento dell’obiettivo è l’Attivazione di Comunità, mediante la quale tutte le risorse presenti sul territorio (ATS, Enti Locali, Associazioni, Parrocchie, MMG, Farmacie…) si orientano verso il medesimo obiettivo con la finalità di far acquisire al cittadino l’assunzione di corretti stili di vita e il consolidamento del comportamento salutare. Ai fini di una maggiore diffusione e condivisione in tempo reale di materiali, foto e informazioni relative ai vari Gruppi di Cammino attivi sul territorio e per consentire tra essi maggiore conoscenza e stimolante interazione, nell’area territoriale di Melegnano e della Martesana si è affrontato un esperimento di comunicazione attraverso i Social Media (pagina FB), utile da estendere a tutto il territorio ATS a partire da quest’anno.

 

In merito ai Gruppi di Cammino con utenza fragile, il progetto ha come obiettivo la prevenzione delle malattie croniche mediante la promozione dell’attività motoria nell’utenza fragile  e la socializzazione ed integrazione con i gruppi di cammino presenti sul territorio.

Gli interventi rivolti a utenza fragile sono particolarmente rappresentati sul territorio Milano Ovest e hanno come finalità l’inserimento nei Gruppi di Cammino territoriali, dei pazienti diabetici e cardiopatici seguiti dalle Aziende Ospedaliere del territorio e non, che hanno stipulato con deliberazione, il protocollo con l’ATS, con finalità terapeutica e riabilitativa, sia dal punto di vista fisico che sociale, per favorire un loro graduale ed adeguato re-inserimento nella quotidianità.


 


Torna su