Chiudi

Scuola libera dal fumo

 

Rivolto a:  Istituti scolastici del territorio: insegnanti, dirigenti, ATA, studenti, genitori

Il programma “ Scuola libera dal fumo” ha lo scopo di diffondere e sostenere una " cultura senza tabacco " che esca dalle aule e coinvolga la collettività in un processo sostenibile a difesa della salute. La scuola, in quanto comunità educante nonché ambiente di apprendimento e condivisione di regole e valori, è il luogo ideale per promuovere una cultura del benessere e contrastare in modo efficace l’avvio di comportamenti a rischio; anche le politiche per la promozione del divieto di fumo nella scuola vanno considerate non come semplice strumento di disciplina e di proibizione, ma come un’occasione per creare contesti e sistemi dove condividere e sostenere stili di vita sani. Una scuola che aspira ad essere “ libera dal fumo “ adotta nei confronti della tematica un approccio di tipo globale pertanto, non si limita all'osservanza e alla vigilanza relative al rispetto del divieto di fumo all'interno dell’edificio scolastico e nelle aree esterne di pertinenza della scuola, ma promuove interventi didattico - educativi con i propri studenti, persegue obiettivi finalizzati alla prevenzione e alla dissuasione dall'abitudine al fumo, si impegna a creare una cultura di de-normalizzazione del fumo  attraverso la formazione e la sensibilizzazione di tutto il personale scolastico, coinvolge le famiglie e l’intera comunità, realizza, adotta e diffonde una strategia antifumo d’Istituto (Policy) . Il percorso di  “ Scuola libera dal fumo “ si avvale di uno strumento di autovalutazione strutturato in più obiettivi specifici per ognuno dei quali vengono declinati requisiti che fungono da indicatori atti a segnalare il pieno raggiungimento dell’obiettivo stesso.

Nel 2016 ATS ha compiuto una valutazione in un campione di 87 scuole che hanno aderito al progetto SLF. Il 32% delle scuole dichiara di aver raggiunto il 70% dei requisiti per una “Scuola libera dal fumo”. 
L’obiettivo di inserire nel curriculum didattico interventi di prevenzione del tabagismo con caratteristiche di efficacia capaci di potenziare le life skills è stato raggiunto dal 25% delle scuole; la  sensibilizzazione del personale docente e non docente e la partecipazione a corsi di formazione è stata raggiunta dal 28%; il coinvolgimento delle famiglie e della comunità locale attraverso interviste, iniziative pubbliche, mezzi di comunicazione, alleanze, la realizzazione e la diffusione di materiale pubblicitario creativo da parte dei ragazzi è stato raggiunto dal 9%; lo sviluppo e il sostegno di una strategia preventiva del tabagismo mirata all’ambiente e al contesto scolastico, l’esposizione di elaborati grafici fatti dai ragazzi a favore di una vita libera dal fumo, l’osservanza del divieto anche in occasione di uscite didattiche ed attività esterne è un obiettivo raggiunto dal 20%. La diffusione di informazioni su opportunità e percorsi di disassuefazione è un obiettivo raggiunto dal 16%.


 






Torna su