Chiudi

DISTRETTI e SALUTE

 

Progettualità di promozione della salute
Alla base delle principali malattie croniche (patologie cerebro-cardiovascolari, tumori, diabete, disturbi respiratori cronici, ecc.) vi sono diversi determinanti di salute che, così come influenzano negativamente lo stato di salute di un individuo e della popolazione, possono essere affrontati e modificati con opportuni programmi, politiche e interventi.
I programmi e le attività in essere nel territorio di ATS Città metropolitana di Milano e il consolidamento delle reti di prevenzione attivate sul territorio sono incentrati sui seguenti programmi regionali:

  • la Rete per la Promozione della Salute negli ambienti di lavoro (Rete WHP Lombardia);
  • la Rete delle Scuole che Promuovono Salute (Rete SPS - SHE Lombardia);
  • la Promozione di stili di vita favorevoli alla salute nelle comunità;
  • la Promozione di stili di vita favorevoli alla salute nei primi 1000 giorni di vita;
  • la Promozione di stili di vita favorevoli alla salute nel setting sanitario in sinergia con erogatori.

Lo strumento di rappresentazione dei programmi/progetti di promozione della salute è rappresentato dal PIL 2019 (Piano di Promozione della Salute ATS Milano) predisposto in stretta collaborazione tra ATS e stakeholder esterni - quali Uffici Scolastici Territoriali e ASST e disponibile alla pagina del portale di ATS Promzoione della salute QUI

Progetti attivi 
Dipartimento di Prevenzione – UOC Promozione salute (sezione in costruzione)

 

Profili di salute del Distretto
Informazioni sullo stato di salute della popolazione residente nei comuni della ATS Milano Città Metropolitana di Milano sono riportate all’indirizzo
https://portale.ats-milano.it/salute/stato_salute.php?stato_salute. 
Il portale è uno strumento di informazione che permette di costruire un quadro sintetico dello stato di salute della popolazione di ogni singolo Comune, degli ambiti territoriali o dell'intera ATS. 

Studi ed indagini ad hoc che vengono realizzati. 
Scuola di salute (sezione in costruzione)

 

Soddisfacimento dei bisogni di salute della popolazione.
Il Distretto promuove iniziative di condivisione e coordinamento dei professionisti che operano a livello distrettuale e che appartengono alle varie reti cliniche per favorire la diffusione locale degli indirizzi e degli obiettivi di appropriatezza e qualità delle cure a garanzia di:

  • Diritto alla salute;
  • Diritto di accesso;
  • Diritto alle cure efficaci ed appropriate;
  • Diritto al sostegno. 


Aree prioritarie di intervento

  • Accessibilità ai servizi
  • Ammissioni e dimissioni protette 
  • Frequent user 
  • Multimorbidità
  • Fragilità
  • Psichiatria
  •  Dipendenze
  • Demenze 
  • Infezioni, sepsi e antimicrobico resistenza
  • Terapia del dolore
  • Cure palliative
  •  Riabilitazione
  • Insufficienza renale cronica
  •  Oncologia 
  • Ematologia ed oncoematologia
  • Cardiovascolare
  • Neurologia
  • Respiratorio
  • Diabete
  • Muscoloscheletrico
  • Epatologia, gastroenterologia e nutrizione clinica
  • Scienze chirurgiche 
  • Medicina interna
  • Materno-infantile e ginecologia

Finalità  
I bisogni di salute della popolazione nelle diverse aree prioritarie sono tutelati attraverso le seguenti azioni:

  • implementare politiche e strategie di centralità del paziente, qualità e sicurezza;
  • garantire equità e tempestività di accesso alle cure per i pazienti;
  •  assicurare appropriatezza diagnostico-terapeutica e assistenziale ed elevate competenza, conoscenza ed esperienza;
  • assicurare la presa in carico e la continuità assistenziale attraverso la realizzazione di percorsi integrati tra gli specialisti delle diverse strutture ospedaliere e la medicina territoriale; 
  • assicurare la gestione della patologia prevalente e delle principali comorbidità; 
  • promuovere la ricerca assicurando l’accesso all’innovazione;
  • promuovere la formazione e l’aggiornamento continuo del personale; 
  • garantire ai pazienti tempestiva accessibilità alle informazioni cliniche relative al loro iter diagnostico-terapeutico; 
  • coniugare l’appropriatezza del percorso clinico-assistenziale con la sostenibilità economica; 
  • assicurare la riduzione delle prestazioni inutili o inappropriate.

Strumenti
Con il coinvolgimento delle strutture e articolazioni dell’Agenzia:

  • condivisione formale di percorsi di presa in carico con le strutture di ricovero e cura, le strutture territoriali, i medici di assistenza primaria e gli uffici di piano;
  • strutturazione di percorsi di audit.

 

 

 

Visualizza 


Torna su