Lavoratori e Decreto 81/2008

Pubblicato il 25/08/2021 alle 10:25
Ultima modifica: 29/11/2022 alle 11:39
Ambito Servizio Descrizione
Milano Primo soccorso aziendale: Datore di lavoro - comunicazione Gruppo A

Per la predisposizione degli interventi di emergenza il Datore di Lavoro identifica la categoria di appartenenza della propria azienda od unità produttiva, tenendo conto della tipologia di attività svolta, del numero dei lavoratori occupati e dell'indice infortunistico di inabilità permanente. Solo nel caso di azienda o unità produttiva del Gruppo A viene data comunicazione all'Agenzia di Tutela della Salute (ATS) territorialmente competente (DLgs 388/03).

Milano Visita medica di idoneità al lavoro per minore

Il D.L. 21 giugno 2013 n. 69 – Titolo II “Misure per la semplificazione amministrativa” all’art. 42 (soppressione certificazioni sanitarie) abolisce le visite mediche preventive di attestazione di idoneità psicofisica la lavoro per i minori e gli apprendisti. L'eventuale obbligo della visita medica preventiva (volta a verificare l’idoneità alle mansioni specifiche del minore/apprendista e l’assenza di controindicazioni alle mansioni a cui deve essere adibito) è limitato ai casi disciplinati dal D. Lgs .81/2008 (valutazione dei rischi effettuata dal datore di lavoro) e deve essere assolto tramite la figura del l medico competente aziendale.

 

Milano Trasmissione relazione sanitaria art. 40 D.LGS 81/2008

Come definito dall'art. 40 del D.Lgs 81/2008 il medico competente trasmette, esclusivamente per via telematica le informazioni elaborate relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria secondo il modello 3B. Ai fini dell'adempimento di tale obbligo si informa che INAIL ha elaborato un applicativo unico su tutto il territorio nazionale per la standardizzazione delle modalità di raccolta e trasmissione dei dati.

Milano Iscrizione al registro ex esposti amianto e rilascio certificazione

La certificazione e la conseguente registrazione avvengono su richiesta dei lavoratori aventi diritto presentando copia documento d’identità, codice fiscale, eventuale copia del libretto di lavoro ed eventuale copia riconoscimenti previdenziali o su programma del Servizio PSAL legato alla registrazione e sorveglianza sanitaria di soggetti esposti o ex- esposti ad amianto in aziende significative, tra i cui dipendenti ed ex dipendenti sono emersi casi di patologie amianto correlate attribuibili al lavoro, o nelle quali è stato utilizzato amianto.

Milano Ricorso avverso il giudizio formulato dal medico competente (art. 41 comma 9 D.Lgs 81/2008)

Il ricorso deve essere inviato al Servizio PSAL che istruisce la pratica attivando le Unità Operative Territoriali competenti (cioè in cui ha sede l'azienda). Un medico del lavoro prende in carico il caso e verifica che siano disponibili i documenti sanitari necessari alla valutazione, formulando eventuali richieste all’azienda o al lavoratore e, se necessario, effettuando un sopralluogo. Il lavoratore è poi esaminato da un’apposita commissione formata da 3 medici del lavoro, tra cui il medico referente della pratica Alla fine, il giudizio del collegio medico viene trasmesso all’azienda, al medico competente e al lavoratore.